Con un occhio nero e uno blu.

il

Incontrai David Bowie in una delle estati piu felici della mia vita. Per la verità mica lo sapevo che era lui, lo scoprii dopo. Avro’ avuto dodici o tredici anni. Zia Lucia la sorella di mio padre, viveva a Losanna, sul lago Lemano. Emigro’ a meta’ degli anni ’50 per fuggire ad un marito violento quando era ormai sugli scalini che l’avrebbero portata all’altare. In quegli anni le donne che osavano ribellarsi al destino di una unione facoltosa, subivano l’ostracismo del paese. Faceva la sartina, in Svizzera conobbe Franco, apprendista macellaio della bassa. Lo sposo’ per procura. Andarono a vivere prima a rue Marterey, in centro, tra sfarzosi palazzi, parchi pettinati e vetrine con su scritto vietato l’ingresso agli italiani. Molti immigrati subivano pesanti discriminazioni, addirittura tenevano i figli nascosti in cantina per non perdere il posto. C’è una triste letteratura che racconta le storie di quelle infanzie negate. Ci andai in vacanza quando gli zii traslocarono a nord, in via alois fauquez, sotto il parc du Signal verso Sauvabelin. Stavano in uno chalet su tre piani, che confinava col bosco , circondato da una siepe di ribes succulenti. Anche il padrone di casa, monsieurs Canova, era di origini italiane. Era il titolare della ditta dello zio. Portava il monocolo per darsi un vezzo, occupava il grande attico. Sugli altri piani vivevano tutte famiglie immigrate in un crogiolo multiculturale e folclorico. Ricordo gli anziani coniugi Pasqua, di Bisceglie in Puglia. Quando incrociavamo il passo ansimante e corpulento di madame per le scale, facevamo a gara a turarci il naso e non sentire la puzza che emanava finche’ non scoppiavamo dalle risa. E poi la famiglia Miro’, catalani di Barcellona, gioviali come una paella fragrante. Di quella casa oltre la frontiera amavo tutto. La ragione ufficiale delle mie vacanze era che avrei dovuto imparare il francese per la scuola. Il mio mentore sarebbe stato Mauro, mio cugino. La nostra prima e ultima lezione si consumò prima di terminare una riga di quaderno. Capitombolammo in strada, a strafogarci di ribes, giocare a nascondino nella foresta, inventarci pozioni col piccolo chimico. Il francese ha sempre avuto per me odor di zolfo e acido citrico. La zia faceva la governante in una elegante villa in mezzo ai larici. Ogni mattina andava da monsieur Boui’ per rassettare e stirargli le camice. Una volta mi portò con se’. Ricordo il grande cancello e il cane pastore che lo sorvegliava. mi presentò a un giovane uomo smilzo che annaffiava i fiori in giardino, in tshirt e jeans e che mi regalò un sorriso. L’uomo che cadde sulla terra era lì davanti a me ma, come scoprii in seguito, aveva un altro accento, David Bowie. Credo che per lui non fu proprio un incontro memorabile ma ognuno può essere un eroe, anche solo per un giorno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.